Il terzo incontro del LLL di Verona

Il terzo incontro si è svolto in data 7 Febbraio presso l’area denominata Ca’ di David. Hanno esposto durante la serata il prof. Massimiliano Condotta dell’Università Iuav di Venezia, il prof. Giovanni Borga dell’Università Iuav di Venezia, la dott.ssa Chiara Scanagatta dell’Università Iuav di Venezia e Chiara Martinelli di Legambiente Verona. Era inoltre presente Riccardo Tardiani in rappresentanza dell’ufficio tecnico Ambiente del Comune di Verona.

Hanno partecipato al terzo LLL 13 cittadini dell’area interessata, quasi tutti residenti nella zona di Ca’ di David e quartiere Sacra Famiglia.

L’incontro si è svolto con l’obiettivo di spiegare l’utilizzo dello strumento di geotagging e l’individuazione definitiva di punti su cui effettuare il rilevamento degli ossidi di azoto (NOx) attraverso l’installazione dei radielli.

Hanno aperto l’incontro Chiara Martinelli e Massimiliano Condotta spiegando brevemente il progetto e a che punto si trova. Successivamente il tecnico del Comune di Verona, Riccardo Tardiani espone ai presenti le spese sostenute all’interno del progetto per quanto riguarda l’aspetto del monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, vengono inoltre dettagliate le spese di progetto.

Prosegue l’incontro il prof. Giovanni Borga, che spiega ai presenti il funzionamento della web app di Geotagging. Si tratta di una mappa digitale su cui i cittadini possono segnalare i punti critici della città di Verona. I punti potranno essere segnalati richiedendo a Legambiente l’apertura di un account personalizzato, da cui i partecipanti potranno accedere alla mappa consultabile sul sito www.crowdmapping.eu. I dati da segnalare potranno riguardare criticità quali traffico, orari di punta di incolonnamenti stradali, aree particolarmente intasate, ma anche le aree verdi saranno punti di interesse per fare valutazioni sulla vivibilità dell’area.

Successivamente l’incontro è proseguito con l’individuazione, insieme ai presenti, dei punti a Ca’ di David su cui effettuare il rilevamento degli ossidi di azoto (NOx) attraverso l’installazione dei radielli da parte di Legambiente Verona. I punti scelti a Cadidavid sono stati i seguenti:

  1. Via Colonnello Fasoli, 117
  2. Piazza Roma, 6

Nella fase finale della riunione sono stati individuati assieme ai partecipanti altri 3 punti di monitoraggio degli NOx in cui verranno posizionati i radielli. L’aumento dei punti di monitoraggio è stato possibile grazie ad un piccolo sforzo economico sul progetto, dopo la forte richiesta dei partecipanti di ampliare l’area di monitoraggio.

I punti scelti ad integrazione sono i seguenti:

  1. Via Vigasio, 2
  2. Via Bengasi, 3
  3. Via Legnago, 126

Viene definito di iniziare i monitoraggi attraverso l’installazione dei radielli da giovedì 15 febbraio, in questa data verranno posizionati anche i mezzi mobili ARPAV e lo skypost ARPAV.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *